Stai visualizzando 8 post - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Post
  • #6384
    depayns
    Membro
      Up
      0
      Down
      ::

      Egregio Dottore le scrivo per mia mamma 51 anni sei anni fa fu colpita da ischemia celebrale da allora la terapia che segue è la seguente:
      Vasoteric 20 mg + 12,5 mg mezza compressa la mattina dopo colazione ore 8, cardioaspirina 100 mg dopo pranzo, rextat 20 mg durante la cena e norvasc 5 mg verso le 21.
      Ad agosto ha fatto i soliti controlli esami del sangue + esami urine.
      Gli esami del sangue andavano abbastanza bene tranne il conteggio delle piastrine risultate alte <b>403</b> migliaia/mc (150-400) e nell’omocromo il conteggio globuli rossi <b>3.91</b> milioni/mmc (4.00-5.80) e l’ematocrito <b>34,30%</b> (37.00-50.00)
      Gli esami delle urine fatte ad agosto hanno evidenziato:
      ph 6.5 (5.5-6.5)
      glucosio assente
      proteine assenti
      emoglobina libera <b>0.06</b> mg/dl (0.0)
      corpi chetonici assenti
      bilirubina assente
      uro-bilinogeno 0.2 mg/dl (0.0-0.2)
      esterasi leucocitaria –
      nitriti –
      ps <b>1004</b> (1015-1030)
      emazie <b>50</b> /microlitro (0-20)
      leucociti 2 /microlitro (0-20)
      cellule epiteliali 1 /microlitro (0-30)
      cellule transizionali 0
      cristalli 1 /microlitro (0-50)
      alcuni (50-80)
      La mamma si è recata dal medico curante il quale le ha consigliato di aspettare qualche mese e rifare gli esami delle urine, ad ottobre il risultato dell’esame delle urine ha evidenziato:
      ph 5.5 (5.5-6.5)
      glucosio assente
      proteine assenti
      emoglobina libera <b>0.06</b> mg/dl (0.0)
      corpi chetonici assenti
      bilirubina assente
      uro-bilinogeno 0.2 mg/dl (0.0-0.2)
      esterasi leucocitaria –
      nitriti –
      ps <b>1010</b> (1015-1030)
      emazie <b>50</b> /microlitro (0-20)
      leucociti 4 /microlitro (0-20)
      cellule epiteliali 2 /microlitro (0-30)
      cellule transizionali 0
      cristalli 6 /microlitro (0-50)
      alcuni (50-80)
      Ma da cosa può essere causata la presenza di queste emazie nelle urine non è che centra qualcosa i valori leggermente alterati di ematocrito, globuli rossi e piastrine?
      La terapia farmacologica che sta seguendo la mamma per la pressione potrebbe avere qualche influenza?
      Sono un pò preoccupata lunedì andremo dal medico che esami dovrà fare adesso?
      Non ha bruciori quando urina, nè le sue urine presentano caratteristiche “strane”, beve moltissimo durante il giorno anche due litri d’acqua oligominerale.
      Cosa ne pensa?
      Grazie.
      Simona

      #12698
      carter
      Moderatore
        Up
        0
        Down
        ::

        La microematuria (perdita di quantità di sangue con le urine evidenziabile solo microscopicamente, e quindi di piccola entità)rilevata ripetutamente nel sedimento urinario di mamma potrebbe essere dovuta alla cosiddetta “renella” (presenza di notevoli concentrazioni i cristalli di varia origine nelle urine, che non sempre si evidenzia negli esami, o a qualche picolo calcolo renale silente, tantopiù che mamma assume un antiaggregante.
        Sicuramente il suo medico le prescriverà un’ecografia renale e vescicale nell’ipotesi della renella o dei calcoli, e senz’altro la lievissima anemizzazione dipende da questa mcroperdita ripetuta di sangue con le urine, ma non si tratta di situazioni pericolose.
        La lievissima iperpiastrinemia non dipende dalla microematuria, ma probabilmente è un piccolo effetto secondario dell’antiaggregante, ma anche questo, di nessun rilievo.

        Ciao!

        #2189
        carter
        Moderatore
          Up
          4
          Down
          ::
          #12699
          depayns
          Membro
            Up
            0
            Down
            ::

            Grazie mille Dottore per la sua celere risposta.
            Gentilissimo ed esauriente come sempre.
            Cordiali saluti.
            Simo

            #12700
            depayns
            Membro
              Up
              0
              Down
              ::

              Egregio Dottore,
              la mamma ha fatto l’urinocoltura che è risultata negativa e l’ecografia ai reni e apparato urinario che non ha evidenziato la presenza di calcoli ne di renella.
              Il medico che ha eseguito l’ecografia ha detto alla mamma che questo potrebbe essere l’effetto collaterale della cardioaspirina.
              Devo premettere che prima di avere l’ischemia celebrale perciò di iniziare ad assumere farmaci la mamma presentava la presenza di emazie nelle urine.
              Il giorno in cui è stata ricoverata per l’ischemia tra le decine di esami che le hanno fatto vi era anche quello dell’urine e già nel 2002 anche se pur basso aveva emazie pari a 35 /microlitro (0-20).
              Dottore cosa ne pensa?
              Esistono dei farmaci che possano sostituire la cardio aspirina e che non diano effetti collaterali di questo tipo?
              Secondo lei che altri esami potrebbe fare?
              Cordialmente la saluto e la ringrazio per la sua disponibilità.
              Simo

              #12701
              carter
              Moderatore
                Up
                0
                Down
                ::

                Nonostante la negatività dell’ecografia, la diagnosi di “renella” è l’ipotesi più probabile, dato il lungo periodo di persistenza della microematuria, e naturalmente l’uso di antiaggreganti peggiora un pò la perdita di sangue con le urine, ma è un effetto obbligato di classe, e quindi non eliminabile.

                Valutate con i medici che seguono mamma l’opportunità di effettuare dei cicli di terapia con sali di ferro per ovviare all’anemizzazione data dall’ematuria.

                Ciao!

                #12702
                depayns
                Membro
                  Up
                  0
                  Down
                  ::

                  Gentilissimo Dottore
                  grazie per avermi risposto.
                  La “renella” non può essere individuata attraverso un’altro tipo di esame? Tipo tac o risonanza?
                  Grazie nuovamente per la sua disponibilità.
                  Simo

                  #12703
                  carter
                  Moderatore
                    Up
                    0
                    Down
                    ::

                    Purtroppo no: quando siamo fortunati, vediamo la presenza di moltissimi cristalli nelle urine, oppure, come già detto, possiamo vedere i segni ecografici “indiretti”

                  Stai visualizzando 8 post - dal 1 a 8 (di 8 totali)
                  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.